L’uroflussometria è un esame non invasivo volto a determinare la velocità massima e il tempo richiesto per lo svuotamento del contenuto vescicale; è in grado di indicare l’esistenza di una alterazione del meccanismo di svuotamento conseguente a disturbi da patologia organica su vescicacollo vescicaleuretra (neoformazioni, calcoli, malformazioni congenite, traumi e pregressi interventi sul bacinostenosi uretrale e, sopratutto, ipertrofia prostatica ai limiti del compenso) o conseguente a disturbi funzionali del sistema nervoso centrale e periferico.

L’indagine viene completata con la valutazione ecografica del residuo post minzionale.

PREPARAZIONE

E’ necessario bere un litro d’acqua un’ora prima dell’effettuazione dell’esame.

DOTT. CORONA ANDREA

Medico Urologo